Menu

Il tuo sostegno vale molto!

<a href="http://www.freepik.com">Designed by Freepik</a>

Richiedenti Asilo

Responsabile: Marzio Mori
Via Enrico Pieragnoli 21 - 50135 Settignano (Fi)
Tel / fax 055 6557443
villapieragnoli @caritasfirenze.it
mori @caritasfirenze.it

In meno di vent'anni la situazione dei richiedenti asilo in Italia è cambiata drasticamente, riflettendo nuove crisi, nuove realtà e nuovi rapporti internazionali e giuridici. Nel 1990, con la legge Martelli (legge 39/90), l'Italia ha abolito la riserva geografica alla Convenzione di Ginevra del 1951 - che limitava il riconoscimento dello status ai rifugiati provenienti dall'Europa - e si è dotata di una legge che ha regolato in parte la materia d'asilo. La legge Bossi-Fini n.189 del 30 luglio 2002, di modifica alla normativa in materia di immigrazione e di asilo, è stata attuata solo nell'aprile del 2005 (D.P.R. 303/2004). Essa ha influito notevolmente sulla materia dell'asilo, in particolare attraverso l’introduzione del trattenimento facoltativo e obbligatorio per i richiedenti asilo e di una procedura d’asilo semplificata che affianca la procedura ordinaria e l’istituzione di 7 Commissioni Territoriali che hanno il compito di determinare lo status di rifugiato, mentre la Commissione centrale è diventata Commissione nazionale per il diritto d’asilo, con la funzione di indirizzare e coordinare le Commissioni territoriali.

Il Decreto legislativo di attuazione della direttiva – D.Lgs. 140/2005 - ha lo scopo di stabilire le norme sull'accoglienza degli stranieri richiedenti il riconoscimento dello status di rifugiato nel territorio nazionale, in linea con gli standard europei e con il diritto internazionale dei rifugiati, in particolare la Convenzione di Ginevra del 1951 sui rifugiati.

Il 9 novembre 2007, invece, il governo italiano ha emanato i decreti legislativi di recepimento della direttiva comunitaria 2004/83 recante norme minime sull'attribuzione, a cittadini di Paesi terzi o apolidi, della qualifica di rifugiato o di persona altrimenti bisognosa di protezione internazionale, nonché norme minime sul contenuto della protezione riconosciuta e della direttiva comunitaria 2005/85/CE recante norme minime per le procedure applicate negli Stati membri ai fini del riconoscimento e della revoca dello status di rifugiato. I due decreti modificano in maniera sostanziale le normative sull'asilo, abolendo, ad esempio, il trattenimento dei richiedenti asilo ed introducendo l’effetto sospensivo del ricorso contro il diniego della domanda d’asilo e la possibilità, anche per coloro cui è stata concessa una protezione umanitaria, di ottenere il ricongiungimento familiare. (fonte: UNHCR)

La Caritas Diocesana, attraverso l'Associazione di Volontariato Solidarietà Caritas - onlus, in collaborazione con il Comune di Firenze e l’Associazione Accoglienza Toscana, ha promosso nel 2001 il progetto “Villa Pieragnoli” rivolto ai richiedenti asilo, profughi e rifugiati che, sempre più numerosi, arrivano nel nostro paese per sfuggire a situazioni di guerra o di persecuzione.
Il progetto è inserito nel “Servizio Centrale del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati” (SPRAR), realizzato dal Ministero dell’Interno, dall'Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) e dall'Alto Commissariato per le Nazioni Unite per i rifugiati (ACNUR).

Il notevole afflusso di profughi dalle zone di guerra o di conflitti armati interni ha richiesto un ampliamento del servizio, per poter offrire accoglienza ad un numero maggiore di persone. La nostra Caritas ha così attivato un progetto di "Prima Accoglienza".

Link ai Progetti
accoglienzaVilla Pieragnoli e Villa Monticini depliant
accoglienzaPrima  Accoglienza depliant

Per una miglior comprensione della distinzione tra richiedenti asilo, titolari di protezione sussidiaria, ecc. visita il sito del Ministero dell'Interno.

Vademecum della CEI per l'accoglienza ai richiedenti asilo nelle Diocesi e nelle Parrocchie

La Conferenza Episcopale Italiana, accogliendo con gratitudine l’appello del Papa, che “di fronte alla tragedia di decine di migliaia di profughi che fuggono dalla morte per la guerra e per la fame, e sono in cammino verso una speranza di vita” ci invita ad essere loro prossimi e “a dare loro una speranza concreta” - per accompagnare le diocesi e le parrocchie in questo cammino con i richiedenti asilo e rifugiati - ha pensato a una sorta di vademecum, che possa aiutare a individuare forme e modalità per ampliare la rete ecclesiale dell’accoglienza a favore delle persone richiedenti asilo e rifugiate che giungono nel nostro Paese, nel rispetto della legislazione presente e in collaborazione con le Istituzioni. (leggi tutto)
Il testo integrale del Vademecum.

 

Sei un medico, un infermiere, un giardiniere, hai la patente B
e voglia di darci una mano?
Clicca sull'immagine e ... leggi!

PASTORALE DELLA CARITÀ
formazione e iniziative

"... L’umanesimo, di cui Firenze è stata testimone nei suoi momenti più creativi, ha avuto sempre il volto della carità. Che questa eredità sia feconda di un nuovo umanesimo per questa città e per l’Italia intera". (Papa Francesco - Firenze, 10 novembre 2015, omelia allo Stadio Franchi)

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Bimestrale Solidarietà Caritas

Leggi on-line il nostro Bimestrale, oppure scaricalo gratuitamente
sul tuo computer!

Vai

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

LA CARTA DEI VALORI

Un documento pensato e condiviso dalle Associazioni e Cooperative promosse dalla Caritas Diocesana di Firenze per chiarire e rafforzare i riferimenti etici e spirituali cui le stesse si ispirano nel loro operare, sia nella gestione diretta delle “Opere Segno” sia negli impegni che assumono nei confronti dei soggetti con i quali interagiscono. ... (leggi tutto)

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Sostieni concretamente i nostri progetti di solidarietà, aiutaci ad accogliere, accompagnare, offrire sostegno e prospettive per il futuro a tante persone e a tante famiglie che sono in difficoltà. Vuoi sapere COME FARE?

Vuoi dare una mano?

VolontariatoDona una parte del tuo tempo, metti i tuoi talenti a servizio e davvero riceverai cento volte tanto come il Signore Gesù ha promesso!

Leggi ...

Torna su