Menu

Il tuo sostegno vale molto!

<a href="http://www.freepik.com">Designed by Freepik</a>

SERVIZIO CIVILE - BANDO NAZIONALE 2017
scade il 26 giugno 2017 alle ore 14.00 - leggi tutto

AIDS/HIV

PersonaResponsabile: Luisa Sanvito
sanvito @caritasfirenze.it

 

Casa VittoriaL’Aids sta diventando una malattia curabile, anche se ancora inguaribile, e per migliorare la qualità della vita delle persone con Aids la comunità locale deve rinforzare l’impegno di tutte le componenti istituzionali (Comune, Provincia, Regione), servizi socio-sanitari (A.S.L.) e volontariato, per garantire nuove forme di sostegno: reinserimento lavorativo, gruppi appartamento … Inoltre le persone sieropositive o con Aids sono una risorsa per sostenere le varie attività di prevenzione del contagio, e di solidarietà con chi è colpito dalla malattia.

Sicuramente negli ultimi anni si è assistito ad un rapido mutamento dell’evoluzione clinica dell’infezione da HIV, soprattutto grazie alle terapie antiretrovirali combinate a disposizione.
Il tasso di letalità, che nella seconda metà degli anni ’80 superava il 90%, negli ultimi anni è sceso a poco più del 20%. La diminuzione della mortalità, il progressivi miglioramento della qualità della vita, il recupero di capacità residue hanno determinato rilevanti cambiamenti nella vita delle persone sieropositive. L’approccio alla sofferenza portata dall’AIDS deve tenere conto, però, dei problemi sanitari, ma anche di quelli sociali, delle emozioni, delle paure, della sessualità, della maternità.

Per questo la Caritas Diocesana di Firenze, attraverso l’Associazione di Volontariato Solidarietà Caritas - onlus, propone una serie modulata di risposte ai bisogni di queste persone, partendo dall'analisi dell’attività svolta dal 1989, dal confronto con i Primari dei reparti di Malattie Infettive e dei Servizi invianti (Ser.T, Comuni, altre Associazioni).
L’approccio al problema mette al centro la persona, e il modello di assistenza proposto è articolato e flessibile, con obiettivi personalizzati e diversificati:

 Casa Vittoria

Casa Alloggio (depliant) come risposta a bisogni
ad elevata intensità sanitaria e sociale

 Casa Elios

Centro Diurno (depliant) con un’accoglienza
di media intensità sanitaria

 Casa Aldo e
 Casa Vladimiro

"Gruppi appartamento" (depliant) che accompagnano
al raggiungimento dell’autosufficienza da un punto di
vista economico, abitativo e di reinserimento sociale

Gli ospiti accolti nelle nostre strutture sono persone provenienti spesso dalla strada, senza fissa dimora, immigrati senza permesso di soggiorno, detenuti, tossicodipendenti, portatori di sofferenza psichica, donne provenienti dalla tratta, alla cui storia di solitudine e di abbandono si accompagna la sofferenza fisica portata dalla malattia e la paura della morte.

ParolaUn Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e n'ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi, caricatolo sopra il suo giumento, lo portò a una locanda e si prese cura di lui. Il giorno seguente, estrasse due denari e li diede all'albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ciò che spenderai in più, te lo rifonderò al mio ritorno. (Lc 10, 33-35)

Il buon Samaritano del vangelo di Luca non si rivolge all'uomo assalito dai ladri per chiedergli cosa facesse, solo, nel buio e nel deserto, ma si rende conto della sua richiesta di aiuto e si avvicina nella forma più pratica possibile per offrirgli la salvezza. Il resto verrà successivamente, con pazienza.

Questo non significa che non dobbiamo interessarci o che non dobbiamo affrontare con coraggio tutte le possibili cause e modalità per evitare il contagio. Siamo chiamati a porre l’accento con azioni concrete sul fatto che la vita di ogni singolo è importante, non importa quale sia lo status sociale o da quale malattia sia afflitto. Ogni vita umana è sacra ed ha un valore infinito. L’apparire dell’AIDS ha portato molti a rivelare il meglio di sé scoprendo delle risorse interiori di compassione, di generosità e di cura di cui erano precedentemente ignari o nascoste sotto un’etichetta non usata. Sfortunatamente, la malattia ha portato alla luce il peggio di altri che si sono lasciati dominare dalle loro paure, dall'ignoranza e da atteggiamenti moralistici egoisti.
La discriminazione verso coloro che sono contagiati dal virus è altrettanto, se non più, peccaminosa del silenzio sulle cause della malattia. Troppi non lesinano i giudizi morali sulla malattia, rilevandone le cause peccaminose, mentre non sono altrettanto pronti nel portare un aiuto. Non stiamo parlando di quelle persone là fuori, ma piuttosto dei nostri fratelli e delle nostre sorelle in Cristo. Se un mio fratello è ammalato di AIDS, allora tutta la Chiesa soffre per l’AIDS. (tratto da "Le sfide dell'AIDS" di P.Frank Monks, Superiore Generale dei Padri Camilliani).

 

Sei un medico, un infermiere, un giardiniere, hai la patente B
e voglia di darci una mano?
Clicca sull'immagine e ... leggi!

PASTORALE DELLA CARITÀ
formazione e iniziative

"... L’umanesimo, di cui Firenze è stata testimone nei suoi momenti più creativi, ha avuto sempre il volto della carità. Che questa eredità sia feconda di un nuovo umanesimo per questa città e per l’Italia intera". (Papa Francesco - Firenze, 10 novembre 2015, omelia allo Stadio Franchi)

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Bimestrale Solidarietà Caritas

Leggi on-line il nostro Bimestrale, oppure scaricalo gratuitamente
sul tuo computer!

Vai

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

LA CARTA DEI VALORI

Un documento pensato e condiviso dalle Associazioni e Cooperative promosse dalla Caritas Diocesana di Firenze per chiarire e rafforzare i riferimenti etici e spirituali cui le stesse si ispirano nel loro operare, sia nella gestione diretta delle “Opere Segno” sia negli impegni che assumono nei confronti dei soggetti con i quali interagiscono. ... (leggi tutto)

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Sostieni concretamente i nostri progetti di solidarietà, aiutaci ad accogliere, accompagnare, offrire sostegno e prospettive per il futuro a tante persone e a tante famiglie che sono in difficoltà. Vuoi sapere COME FARE?

Vuoi dare una mano?

VolontariatoDona una parte del tuo tempo, metti i tuoi talenti a servizio e davvero riceverai cento volte tanto come il Signore Gesù ha promesso!

Leggi ...

Torna su